Guerrilla Gardening, ovvero: facciamo fiorire dappertutto

Missaglia sarebbe ancora più bella se fosse tutta fiorita, non credete? Si tratta di un progetto che ciascuno di noi può realizzare molto facilmente…

guerrilla_gardening

Cosa ti serve? Paletta da giardinaggio, semi, annaffiatoio e (forse) terra

Fai una passeggiata nella zona dove abiti, ad esempio lungo il tragitto da casa a scuola. Vai a scovare i luoghi dove pensi di poter spargere semi: cerca fessure nei marciapiedi, vasi vuoti, canali, spazi vedi degradati o a ridosso di edifici fatiscenti: qualunque posto che potrebbe beneficiare di una bella sistemata. Attenzione però deve essere al sole e deve esserci sufficiente terra (semmai puoi aggiungerne tu).

Interra i semi nelle zone inesplorate

Osservali crescere e goditi i risultati: ora quell’angolino è più bello anche per merito tuo!

Annunci

Un posto magico, vicinovicino

Leggendo i post precedenti vi sarà venuta voglia di partire… effettivamente ci sono tanti luoghi bellissimi, ma tutti lontani!
E invece no, anche vicino a casa nostra c’è un luogo in cui arte e natura si mescolano, diventando tutt’uno. Si tratta del Rossini Art Site, a Briosco. In un parco con querce, noccioli e carpini si possono ammirare diverse opere di artisti contemporanei, immaginate e progettate per dialogare perfettamente con il contesto naturale. Se volete programmare una visita, magari in primavera iniziate con l’esplorazione del loro sito, tanto per farvi un’idea!

Tanti luoghi tutti da scoprire

Nel nostro paese ci sono altri luoghi magici in cui arte e natura si fondono per creare atmosfere tutte da scoprire.
A Collodi (provincia di Pistoia), ad esempio, è possibile visitare il Parco di Pinocchio: un’opera collettiva di artisti e architetti italiani che hanno “illustrato” in tre dimensioni, le storie di Pinocchio.
Mentre in provincia di Grosseto troviamo il Giardino dei Tarocchi: passeggiando in un bellissimo parco ricco di colori e profumi si incontrano le grandi sculture ideate da Niki de Saint-Phalle e Jean Tinguely. Un mondo fantastico di colori, specchi e nascondigli…
A Torino invece c’è il PAV, Parco Arte Vivente, un Centro Sperimentale d’arte contemporanea dove architetti, curatori, artisti e naturalisti si applicano allo studio e la realizzazione di progetti e laboratori di Bio-arte, in cui la natura protagonista.
Troviamo un esempio interessante anche nel Parco Nazionale del Pollino, in Basilicata: Artepollino, che dal 2008 si propone la diffusione dell’Art in nature con la formazione di laboratori creativi, progetti per le scuole, ecoturismo.

La natura diventa arte

Fino a questo momento abbiamo scoperto nel dettaglio quali saranno le essenze nel nostro ParcoDietroCasa. Alberi, siepi, cespugli e arbusti con i loro colori e le loro forme sono bellissimi: l’uomo talvolta ci mette lo zampino e fa della natura arte.
Nasce così una forma d’arte contemporanea, la Land Art: gli artisti intervengono direttamente nel contesto naturale. Ci sono dei bellissimi esempi di quest’arte anche nel nostro paese, ve ne facciamo scoprire alcuni… un viaggio qui, ne vale la pena!
Il primo posto che vi consigliamo è Arte Sella, in Valsugana. Si tratta di un itinerario immerso nella natura: durante il percorso si scoprono, di tappa in tappa, esperimenti d’arte ambientale. Gli artisti che hanno lavorato in questo parco provengono da tutto il mondo. Tra le opere più famose ricordiamo la “cattedrale di alberi” di Giuliano Mauri: ottanta colonne di carpini intrecciati creano un’opera indescrivibile, tutta da scoprire.

artesella4 artesella3 artesella2 artesella1

Per maggiori informazioni e per scoprire alcune delle opere potete consultare il sito www.artesella.it