Scopriamo gli arbusti del parco: Rosa rugosa

Rosa_rugosa02 Rosa_rugosa01
La rosa rugosa deve il proprio nome alle sue foglie: hanno una forma rotonda, sono di colore verde e sono caratterizzate da venature rugose, appunto. D’autunno assumono colori molto belli. Questa specie è originaria della Corea, del Giappone, della Cina e della Siberia ma ha trovato ampia diffusione anche in Europa. La pianta raggiunge un’altezza di circa un metro e sessanta centimetri. I fiori sono grandi e possono nascere solitari o in gruppi, bianchi o rosa e con gli stami di colore giallo. I frutti sono piccole bacche rosse… attenzione, foglie e rami, soprattutto quelli non più giovani, hanno molte spine.

Annunci

Scopriamo gli arbusti del parco: Weigelia

weigela01 weigela02

La Weigelia è un genere di circa 12 specie di arbusti a foglia caduca, originari dell’Asia e appartenenti alla famiglia delle Caprifoliaceae.
Può raggiungere i tre metri di altezza e la particolarità di questo arbusto sono le spettacolari fioriture, da maggio fino a giugno. La pianta si espande, oltre che in altezza, anche in larghezza grazie alla produzione di numerosi fusti e foglie. Queste ultime sono di tipo lanceolato, hanno cioè una forma ellittica, un po’ appuntita. I fiori sono di vari colori, dal rosa al bianco.
Attira i lepidotteri, quegli insetti dai mille colori che ci colpiscono sempre per grazia e delicatezza… Avete indovinato di che si tratta? Delle farfalle, bravissimi!

Scopriamo gli arbusti del parco: Philadelphus

Dipartimento di Biologia, Università di Trieste - Picture by Andrea Moro - Conservatoire et jardin botaniques de la Ville de Genève, Svizzera, - Image licensed under a Creative Commons Attribution Non Commercial Share-Alike 3.0 Licence (CC by-nc–sa 3.0)

Philadelphus02

Nel ParcoDietroCasa non ci sono solo alberi ma anche piccoli arbusti, come quelli del Philadelphus, chiamati comunemente falsi aranci o siringhe o ancora fiori dell’angelo.

I fiori di questo arbusto, completamente bianchi, hanno un profumo delicato, ma al tempo stesso molto caratteristico e penetrante. L’arbusto, con foglie decidue, cioè che cadono periodicamente, fiorisce generalmente fra maggio e giugno: è un albero originario delle zone a clima temperato e appartiene alla famiglia delle Hydrangeaceae.
Questa famiglia comprende circa 60 specie di varietà che presentano alcune caratteristiche in comune. La crescita è molto variabile: infatti, si possono notare esemplari di circa 1 metro d’altezza e piante che arrivano anche ai circa 5 metri. Essendo una pianta rustica, il Philadelphus si adatta a ogni clima.
Con i suoi bellissimi e profumatissimi fiori sarà un vero e proprio paradiso per farfalle e insetti!

boerenjasmijn philadelphus coronarius

Scopriamo le piante del parco: il carpino bianco

carpino bianco carpino bianco2

Il Carpinus Betulus è un albero di media altezza (15-20 m) con portamento dritto e chioma allungata. La corteccia si presenta sottile, liscia al tatto, di colore grigio, irregolare per il fusto scanalato e costolato. Le radici sono fascicolate e molto ramificate. Le foglie sono alterne, semplici, brevemente picciolate, ovato-oblunghe, con nervature in rilievo e ben visibili sulla pagina inferiore, con apice acuminato e margine finemente e doppiamente dentato. Ingialliscono in autunno ma permangono secche sui rami anche per lungo tempo, specie sulle piante di giovane età. Il suo legno viene utilizzato per produrre oggetti di piccole dimensioni come birilli, scacchi e componenti di strumenti musicali (pianoforti e bacchette da percussione).

Scopriamo le piante del parco: lo storace americano

liquidambar2liquidambar3
Lo storace americano (Liquidambar styraciflua) è una pianta di taglia medio- grande. Quest’albero, di origine nord americana, può raggiungere i 25-30 metri. Le foglie sono caduche: in autunno le foglie verdi divengono gialle, rosse e arancioni. Il tronco ha un fusto eretto, densamente ramificato, con chioma piramidale, che diventa arrotondata con il passare degli anni; la corteccia è grigio-marrone, profondamente fessurata.

liquidambar

Scopriamo le piante del parco: il Cipresso di Leyland

Per la piantumazione del Parco sono stati scelti alberi ad alto fusto e diverse essenze con altezze inferiori. Gli alberi più alti avranno due compiti principali: delimitare il parco e garantire un po’ d’ombra nelle giornate più calde. Gli arbusti più bassi, tra gli 80 cm e il metro, invece saranno pieni di foglie e fiori colorati per attirare piccoli insetti e uccelli, così il ParcoDietroCasa sarà sempre animato e vissuto!

Iniziamo con lo scoprire uno degli alberi ad alto fusto…

Il Cipresso di Leyland è una conifera che cresce molto velocemente e proprio per questo è stata scelta per delimitare il parco: in poco tempo dovremmo ottenere una siepe bella, verde e compatta. Questa pianta si adatta facilmente a qualsiasi clima e riesce a sopportare alti livelli di inquinamento come pure aria salmastra con alto grado salino.
Ora, subito dopo la piantumazione, la nostra siepe è così:

piantata (1)

piantata (2)

Quante piante?

La prima tappa nella riqualificazione del ParcoDietroCasa ha previsto la sistemazione dell’area in modo da poter procedere con la piantumazione e con la collocazione di giochi e pavimentazioni.
Durante il lavoro sono stati utilizzati mezzi e veicoli: abbiamo monitorato le emissioni di anidride carbonica nell’aria di tali mezzi. In questo modo, potremo definire quanti alberi/arbusti/cespugli dovremo piantumare per “compensare” le emissioni emesse.
Tentiamo quindi di far sì che il progetto non sia solo rispettoso del contesto nel quale è inserito ma che sia complessivamente sostenibile dal punto di vista ambientale.
Una sfida che accettiamo volentieri!