Un parco di tutti

Ci piace esplorare e conoscere meglio il territorio che ci circonda, ma il ParcoDietroCasa è il nostro chiodo fisso! Il progetto di questo spazio pubblico è veramente particolare: si tratta infatti di una progettazione partecipata.
Cosa significa? La progettazione del parco ha tentato di coinvolgere attivamente tutti coloro che potevano essere interessati a dire la propria su questo luogo… prima di tutto i bambini! Proprio perché ai bambini è dedicato questo spazio e quindi chi meglio di loro poteva dare indicazioni su come dovesse essere?!
Non solo, il ParcoDietroCasa rappresenta un’esperienza particolare anche perché per realizzarlo tante forze sul territorio si sono attivate. Primi tra tutti i volontari della sezione del Cai di Missaglia, che si sono innamorati del progetto e sono riusciti, in collaborazione con il Comune, ad ottenere un finanziamento dalla Fondazione della Provincia di Lecco, per realizzarlo.
Vogliamo ancora una volta ringraziare tutte le persone che in questi mesi si sono impegnate e ancora si impegneranno per il ParcoDietroCasa: non dimenticate però che il parco, una volta aperto, sarà patrimonio di tutti noi, un bene comune, da proteggere, rispettare e soprattutto frequentare!

Annunci

Colore e bellezza anche nel ParcoDietroCasa!

Durante la progettazione partecipata, che ha visto coinvolti bambini della scuola materna e della scuola elementare di Maresso, un’idea ha trovato tutti d’accordo. Il ParcoDietroCasa deve essere bello, allegro e colorato… forse non riusciremo a creare proprio un’opera d’arte, ma nel nostro piccolo abbiamo provato a soddisfare quest’esigenza.
Per farlo, la prima scelta è stata quella di caratterizzare con il colore tutti gli elementi d’arredo del parco: perché il colore porta con sé bellezza e allegria… si comincia così con le pavimentazioni… scopriamole assieme!
I vialetti del parco saranno asfaltati, per consentirne la massima percorribilità e accessibilità (sia a piedi, che con una sedia a rotelle o ancora con i pattini, o con un passeggino). Parlando di asfalto il primo colore che viene in mente è il grigio… e invece no! Nel ParcoDietroCasa si utilizzerà l’asfalto stampato. Si tratta di una soluzione semplice ma efficace: ad un fondo classico di asfalto si abbina un trattamento con una resina che permette una colorazione completa, alla quale si possono successivamente applicare decorazioni.
Il colore caratterizzerà anche le pavimentazioni sotto i giochi, le cosiddette pavimentazioni antitrauma. Saranno dei tappeti in polipropilene, una materia plastica, sui quali è possibile inserire figure e inserti geometrici colorati.

Il risultato sarà uno spettacolo, ecco un paio di esempi!

asfalto_3 asfalto_5

Per i bambini di tutto il mondo, che fanno un grande girotondo con le mani nelle mani, sui paralleli e sui meridiani…

Usiamo le parole di una filastrocca di Gianni Rodari per ricordare che oggi, 20 novembre, è la giornata internazionale sui diritti dell’infanzia. Il 20 novembre 1989, infatti, è stata approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite la Convenzione sui diritti dell’infanzia. Nel nostro piccolo, festeggiamo questo anniversario ricordando che il progetto ParcoDietroCasa è nato con la precisa intenzione di rispettare tale Convenzione.
Questo perché, nella Convenzione, ai bambini si riconosce il diritto al riposo, al tempo libero, al gioco e alle attività ricreative… non solo: è necessario favorire la partecipazione piena e attiva alla vita della propria comunità.
Così è nato il progetto ParcoDietroCasa, che piano piano, giorno dopo giorno, continua a crescere, proprio come un bambino.

 

Al lavoro per il progetto preliminare

foto 2_blog

La bozza del progetto preliminare

Progettare un parco è una faccenda complessa! Le componenti da considerare sono molteplici: la scelta degli arredi, i giochi, le essenze e tanto altro ancora. Il lavoro svolto con le classi della scuola dell’infanzia e della scuola primaria ha permesso di tracciare delle linee guida, ora è compito dell’ufficio Lavori Pubblici raccogliere quelle indicazioni e trasformarle in un progetto, prima preliminare e poi definitivo.
Un passo dopo l’altro il progetto si precisa meglio… Siete curiosi? Presto vi sveleremo maggiori dettagli… continuate a seguirci!